Phaethon, la cometa di roccia

Che esista un’associazione fra meteore e comete è dimostrato dal fatto che le orbite eliocentriche, seguite dai meteoroidi che originano gli sciami di meteore, sono molto simili a quelle di alcune delle comete conosciute. La scoperta che gli sciami di meteore sono strettamente correlati alle orbite delle comete periodiche si deve all’astronomo italiano Giovanni Virginio […]

Continua a leggere "Phaethon, la cometa di roccia"

Gli asteroidi Troiani

Sono due nubi di corpi minori in risonanza orbitale 1:1 con Giove, dall’origine incerta e con caratteristiche fisiche in gran parte sconosciute. Un breve viaggio fra una delle più affascinanti popolazioni di asteroidi del Sistema Solare. La scoperta dei Troiani Gli asteroidi Troiani sono un gruppo di corpi minori che condividono l’orbita eliocentrica con Giove. […]

Continua a leggere "Gli asteroidi Troiani"

I colori degli asteroidi

L’analisi della luce è importantissima in astronomia perché, considerate le enormi distanze che ci separano dai corpi celesti (anche quelli appartenenti al Sistema Solare), quasi l’unica informazione a cui abbiamo direttamente accesso è quella trasportata dalla radiazione elettromagnetica (ma recentemente anche le onde gravitazionali hanno dato il loro contributo). In astrofisica le stelle sono classificate, […]

Continua a leggere "I colori degli asteroidi"

Haumea, storia personale di una scoperta

In questo articolo parlerò di Haumea, un remoto pianeta nano posto oltre Nettuno, e dei retroscena dell’occultazione avvenuta il 21 gennaio 2017 e osservata dall’Osservatorio Astronomico della Regione Autonoma Valle d’Aosta (OAVdA). I notevoli risultati ottenuti su Haumea (sintetizzati in Fig.1), sono stati pubblicati in una lettera su “Nature” (Ortiz et al., 2017). Scrivo questa […]

Continua a leggere "Haumea, storia personale di una scoperta"

Comete o asteroidi?

In questi giorni è stata resa nota la scoperta della prima cometa doppia da parte del Telescopio Spaziale “Hubble” (HST), con l’articolo pubblicato su Nature. Si tratta di un corpo celeste unico nel suo genere perché nel momento della sua scoperta, avvenuta il 15 novembre 2006 con lo Spacewatch Telescope, questo oggetto aveva un tipico […]

Continua a leggere "Comete o asteroidi?"

Florence “sfiora” la Terra

L’asteroide (3122) Florence, che in queste notti si sta muovendo rapidamente nel cielo terrestre, è un corpo celeste molto interessante per due motivi. Prima di tutto perché fa parte della innumerevole schiera dei PHA (Potentially Hazardous Asteroid). I PHA sono gli asteroidi con diametro superiore ai 150 metri che hanno anche una MOID (Minimum Orbit […]

Continua a leggere "Florence “sfiora” la Terra"

Il follow-up dei NEO

L’osservazione dei NEO, cioè dei corpi minori che si muovono in prossimità dell’orbita della Terra, è un’attività svolta giornalmente da innumerevoli astronomi, professionisti e non, sparsi in tutto il mondo. Ecco una piccola guida introduttiva per iniziare questa attività osservativa, usando un piccolo telescopio e una camera CCD. NEO_follow_up_blog

Continua a leggere "Il follow-up dei NEO"

L’asteroide near-Earth 2011 UW158

Gli asteroidi con dimensioni superiori a 0,15 km di solito non hanno periodi inferiori alle 2,2 ore. Questo limite è noto come “cohesionless spin-barrier”. La presenza di questa barriera rotazionale può essere spiegata invocando per gli asteroidi un modello a “rubble-pile”, cioè a “mucchio di sassi”. Esistono poche eccezioni a questa “regola” e in questo […]

Continua a leggere "L’asteroide near-Earth 2011 UW158"